Economia

I banchieri centrali mondiali ammiccano all’euro

Gli Stati stanno perdendo una preziosa fonte di finanziamento del deficit di parte corrente. E’ questo ciò che si desume dallo studio pubblicato da Central Banking Publications, che mostra come le operazioni di allocazione di portafoglio delle banche centrali mondiali abbiano invertito la generale preferenza per asset in dollari, in favore di attività denominate in euro.Il fatto è di notevole importanza se si pensa ai problemi della moneta statunitense, che ha sempre contato sul supporto degli investitori esteri (ed in particolare delle banche centrali asiatiche) per contenere le pressioni al ribasso derivanti dal continuo deficit della bilancia commerciale.
La divulgazione dello studio è stata subito accolta dai mercati valutari come ulteriore stimolo alla vendita di dollari contro euro, determinando un nuovo scivolone della valuta statunitense, che si è riportata ieri vicino ai 1,31$ per euro.
Il fenomeno non può che preoccupare, essendo per il momento l’America il principale motore trainante dell’economia mondiale, e soprattutto di Eurolandia (storicamente esportatore netto rispetto agli States).
E’ da rilevare il fatto che i dati raccolti si riferiscono al biennio passato, periodo in cui date le prospettive di crescita dei tassi in America, e dato il deficit incalzante del bilancio pubblico, il dollaro non era certo visto in rialzo rispetto all’euro. Per gli anni a venire occorrerebbe considerare ulteriori variabili, come la politica fiscale (che a detta di Snow sarà più rigorosa), e le azioni della Fed sui tassi di interesse, binomio che potrebbe essere in grado di contrastare (e addirittura addolcire) la minore domanda di dollari da parte delle autorità centrali mondiali. Se a questo vi aggiungiamo che fatte le elezioni in Iraq le spese militari saranno destinate a diminuire (a meno di ulteriori appuntamenti imprevedibili), vediamo, per fine anno, un dollaro oscillante tra $1,30 e $1,40 per euro.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s